COMMETTE ESTORSIONE IL DATORE DI LAVORO CHE SPINGE IL DIPENDENTE AD ACCETTARE CONDIZIONI DI LAVORO DETERIORI PUR DI CONSERVARE IL POSTO

Stiamo vivendo in un contesto sociale in cui l’accesso al mercato del lavoro è sempre più difficile, esattamente come riuscire a mantenere un posto di lavoro. Ebbene, la sentenza n. 18727 del 5 maggio 2016 della Sezione Penale della Corte di Cassazione ricorda e sottolinea l’importanza di garanzie minime, poste dall’ordinamento a tutela della libertà e della dignità del lavoratore. E così la Corte ha condannato il datore di lavoro a una pena detentiva per il reato di estorsione, dato che questi ha indotto più dipendenti dipendenti ad accettare condizioni lavorative e trattamenti economici penalizzanti pur di ottenere, e mantenere, il proprio posto di lavoro.

Considerato lo sbilanciamento tra le parti e la posizione di maggior forza del datore di lavoro, i giudici hanno precisato che “[…] la minaccia, da cui consegue la coazione della persona offesa” può “presentarsi in molteplici forme ed essere esplicita o larvata, scritta o orale, determinata o indeterminata, e finanche assumere la forma di semplice esortazione e di consiglio”.

Ecco il link alla sentenza.

 

Torna

Persone e Famiglia

Consumatori

Lavoro