Novità giurisprudenziali 7 novembre 2018, a cura di Monica Serra.

- LICENZIAMENTI COLLETTIVI – PENSIONAMENTO – CRITERI DI SCELTA -

Corte di Cassazione, sezione Lavoro, sentenza 8 ottobre 2018 n. 24755

La  Corte di Cassazione ha confermato che, in caso di licenziamento collettivo volto a ridimensionare l’organico in ragione della dichiarata necessità di procedere alla diminuzione del costo del lavoro, è possibile che azienda e organizzazioni sindacali si accordino per l’applicazione di un solo criterio di scelta dei lavoratori da estromettere e, in particolare, sulla della possibilità di accedere al pensionamento.

Tale criterio – e il conseguente licenziamento - è quindi applicabile a tutti i lavoratori presenti in azienda, indipendentemente dal settore o reparto di appartenenza, anche diverso quindi da quel settore o reparto in cui si è manifestata la crisi.

- LAVORATORI STRANIERI - RILASCIO DEL PERMESSO DI SOGGIORNO-

D.L. 4 ottobre 2018 n. 113 - Disposizioni urgenti in materia di protezione internazionale, immigrazione e sicurezza pubblica.

Con il D.L. n. 113/2018 sono state ampliate le causali di rilascio del permesso di soggiorno che consentiranno l’impiego dei lavoratori extracomunitari.

In particolare, le nuove causali riguardano le vittime di violenza domestica, vittime di calamità, cause di sfruttamento lavorativo e atti di particolare valore civile.

- CUMULO DELLA QUALITA’ DI AMMINISTRATORE DI SOCIETA’ E DI LAVORATORE SUBORDINATO -

Corte di Cassazione, sezione Lavoro, sentenza 15 settembre 2018 n. 22689

L’amministratore (anche delegato) di una società di capitali, che voglia ottenere il riconoscimento di un rapporto di lavoro subordinato in capo alla società stessa, deve provare l’assoggettamento - nonostante la carica sociale - al potere direttivo, di controllo e disciplinare dell’organo di amministrazione della società nel suo complesso.

 

 

 

Torna

Persone e Famiglia

Consumatori

Lavoro