Novità giurisprudenziali 8 maggio 2019, a cura di Monica Serra.

MOBBING

Corte di Cassazione, sezione Lavoro, ordinanza 17 aprile 2019 n. 10725

Deve classificarsi come mobbing la condotta del datore di lavoro che, nei confronti di una lavoratrice assente per malattia, ha continuato a chiederle in modo pressante chiarimenti sulle sue condizioni di salute e sulle cure mediche a cui deve sottoporsi, privandola poi delle sue mansioni al rientro e chiedendole addirittura di dimettersi.

Leggi tutto

Novità giurisprudenziali 24 aprile 2019, a cura di Monica Serra.

RAGIONEVOLI ACCOMODAMENTI

Corte di Cassazione, sezione Lavoro, sentenza 7 marzo 2019 n. 6678

In caso di licenziamento per inidoneità fisica del lavoratore derivante da una condizione di handicap, ai fini della legittimità del recesso il datore di lavoro è tenuto alla previa verifica della possibilità di adattamenti organizzativi dei luoghi di lavoro, purché questi non comportino un onere finanziario sproporzionato rispetto alle dimensioni e alle caratteristiche dell’impresa e comunque nel rispetto delle condizioni di lavoro dei colleghi del lavoratore invalido.

Leggi tutto

Novità giurisprudenziali 16 aprile 2019, a cura di Monica Serra.

- CONGEDO STRAORDINARIO PER L’ASSISTENZA DEL DISABILE E LICENZIAMENTO -

Corte di Cassazione, sezione Lavoro, sentenza 25 febbraio 2019 n. 5425

L’art. 4, comma 2, legge n. 53/2000, che prevede il diritto alla conservazione del posto di lavoro durante il periodo di congedo straordinario fruito dal lavoratore per l’assistenza di un disabile, vieta di licenziare il lavoratore solo nel caso in cui il recesso sia legato alla fruizione del congedo stesso, ma non per ogni altra eventuale causa, legittima, che dovesse intervenire.

Leggi tutto

Novità giurisprudenziali 8 aprile 2019, a cura di Monica Serra.

- CONDOTTE EXTRALAVORATIVE E LICENZIAMENTO PER GIUSTA CAUSA -

Corte di Cassazione, sezione Lavoro, ordinanza 26 marzo 2019 n. 8390

Ricordando il principio secondo il quale un fatto extra-lavorativo può portare a un licenziamento disciplinare, con questa sentenza la Corte di Cassazione ha ribadito e precisato che possono condurre al licenziamento soltanto le condotte extra-lavorative del dipendente che abbiano un riflesso sulla funzionalità e futura correttezza del rapporto di lavoro.

Leggi tutto

Novità giurisprudenziali 20 marzo 2019, a cura di Monica Serra.

- L. 104/1992 E SCELTA DELLA SEDE DI LAVORO -

Corte di Cassazione, sezione Lavoro, ordinanza 1 marzo 2019 n. 6150

In tema di della disabilità, il comma 5 dell’art. 33 della L. 104/1992 chiarisce che il lavoratore che presta assistenza al disabile ha “diritto di scegliere, ove possibile, la sede di lavoro più vicina al domicilio della persona da assistere e non può essere trasferito senza il suo consenso ad altra sede”.

Leggi tutto

Persone e Famiglia

Consumatori

Lavoro