Novità giurisprudenziali 9 maggio 2018, a cura di Monica Serra.

- LICENZIAMENTO PER INABILITA’ AL LAVORO -

Corte di Cassazione, sezione Lavoro, sentenza 21 marzo 2018 n. 7065

In caso di licenziamento di un lavoratore per inabilità al lavoro accertata dai competenti organi medici, il giudizio della struttura sanitaria che ha effettuato gli accertamenti non ha valore vincolante né per il giudice né per il datore di lavoro, dovendosi necessariamente verificare nel concreto la compatibilità della residua capacità con la possibilità di svolgere mansioni all’interno dell’azienda.

Leggi tutto

Novità giurisprudenziali 24 aprile 2018, a cura di Monica Serra.

- SPESE DI LITE -

Corte Costituzionale, sentenza n. 77 del 19 aprile 2018

Dopo lunga attesa, la Corte Costituzionale si pronuncia sulle eccezioni di illegittimità dell’art. 92 del codice di procedura civile, che regola la c.d. liquidazione delle spese di giudizio: la questione era stata sollevata da due Giudici del lavoro che avevano rilevato come la nuova previsione era idonea a causare una disparità di trattamento tra lavoratore e datore di lavoro, nel caso di soccombenza del primo.

Leggi tutto

Novità giurisprudenziali 11 aprile 2018, a cura di Monica Serra.

- UNICITA’ DI IMPRESA E RISARCIMENTO DEL DANNO -

Corte di Cassazione, sezione Lavoro, sentenza 28 marzo 2018 n. 7704

Nel caso in cui un’unica impresa sia frazionata in più società in frode alla legge, sono tutte solidalmente tenute al pagamento del risarcimento del danno per licenziamento illegittimo.

Leggi tutto

Novità giurisprudenziali 4 aprile 2018, a cura di Monica Serra.

- VIOLAZIONE DELL’OBBLIGO DI REPECHAGE E REINTEGRAZIONE -

Tribunale di Trento, sezione Lavoro, ordinanza 18 dicembre 2017

Con questa articolata e ben motivata ordinanza il Tribunale di Trento affronta la questione, ancora ampiamente dibattuta, circa le conseguenze della violazione dell’obbligo di ripescaggio in caso di licenziamento per giustificato motivo oggettivo.

Leggi tutto

Novità giurisprudenziali 27 marzo 2018, a cura di Monica Serra.

- BONUS BEBE’ -

Tribunale di Bergamo, sezione Lavoro, sentenza 2 marzo 2018

Il c.d. “bonus bebè” deve essere riconosciuto anche ai cittadini stranieri regolarmente residenti sul territorio nazionale e in possesso di permesso di lavoro, risultando il provvedimento di diniego dell’INPS discriminatorio.

Leggi tutto

Persone e Famiglia

Consumatori

Lavoro