Novità giurisprudenziali 7 febbraio 2018, a cura di Monica Serra.

- DANNO ESISTENZIALE -

Corte di Cassazione, sezione III civile, ordinanza 29 gennaio 2018 n. 2056

Pronunciandosi in tema di danno non patrimoniale, la Corte di Cassazione ha ribadito i principi già espressi in punto di danno esistenziale, ribadendo i requisiti per il suo accertamento e la consequenziale condanna al risarcimento.

Leggi tutto

Novità giurisprudenziali 31 gennaio 2018, a cura di Monica Serra.

- DISCRIMINAZIONE DEL LAVORATORE DISABILE -

Corte di Giustizia dell'Unione europea, causa C-270/2016, sentenza 18 gennaio 2018

La Corte di Giustizia dell’Unione Europea ha affermato che il licenziamento di un disabile per assenze intermittenti connesse alla patologia, riconosciuta come invalidante, può costituire una discriminazione basata sull’handicap, ai sensi e ai fini della Direttiva 2000/78/CE.

Leggi tutto

Novità giurisprudenziali 24 gennaio 2018, a cura di Monica Serra.

- VISITE FISCALI PER I DIPENDENTI PUBBLICI -

Decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento della Funzione Pubblica, 17 ottobre 2017, n. 206, pubblicato in G.U. n. 302 del 29 dicembre 2017

Il decreto n. 179/2017 pubblicato in Gazzetta Ufficiale lo scorso 29 dicembre 2017, ha regolamentato le “modalità per lo svolgimento delle visite fiscali e per l’accertamento delle assenze dal servizio per malattia, nonché l’individuazione delle fasce orarie di reperibilità” per i dipendenti pubblici.

Leggi tutto

Novità giurisprudenziali 17 gennaio 2018, a cura di Monica Serra.

- LICENZIAMENTO PER GIUSTA CAUSA E CCNL -

Corte di Cassazione, sezione Lavoro, sentenza 30 novembre 2017 n. 28798

In tema di licenziamento per giusta causa, con riferimento agli illeciti tipizzati dalle parti nei CCNL, la Corte di Cassazione conferma l’orientamento per cui l’elencazione delle ipotesi di giusta causa di licenziamento contenuta nei contratti collettivi ha valenza meramente esemplificativa, mancando alcun automatismo tra questi e l’irrogazione della relativa sanzione disciplinare: specie se si tratta di recesso permane la necessità che vi sia un sindacato giurisdizionale sulla proporzionalità della sanzione rispetto al fatto addebitato.

 

Leggi tutto

Rassegna giurisprudenziale 10 gennaio 2018, a cura di Monica Serra

- LICENZIAMENTO DISCIPLINARE TARDIVO -

Corte di Cassazione, Sezioni Unite, sentenza 27 dicembre 2017 n. 30985

Le Sezioni Unite della Corte di Cassazione hanno composto il contrasto giurisprudenziale in materia di tutela applicabile al licenziamento disciplinare viziato da tardività della contestazione rispetto ai fatti oggetti di addebito.

Le corti di merito e la stessa Cassazione oscillavano infatti tra l’applicazione del rimedio reintegratorio, sulla base della considerazione per cui la tempestività della contestazione rappresenterebbe un elemento costitutivo del diritto dei recesso, e il rimedio indennitario “forte” in ragione di un orientamento di segno opposto.

Le Sezioni Unite hanno infine affermato che il vizio di tardività della contestazione non è costitutivo del diritto di recesso, ma rappresenta una violazione dei canoni generali di correttezza e buona fede nell’esecuzione del contratto, riconducibile alle diverse ipotesi in cui non ricorrono gli estremi della giusta causa di recesso, con la conseguente applicazione della tutela prevista dall’art. 18, comma 5 (c.d. tutela indennitaria “forte”).

 

Leggi tutto

Persone e Famiglia

Consumatori

Lavoro