News

Lavoro, oggi il demansionamento è possibile. E in Italia accade sempre più spesso. Il Fatto Quotidiano, 2 ottobre 2019, Annalisa Rosiello

Capita sempre più spesso di ascoltare racconti di lavoratori con elevata professionalità che ricevono proposte di demansionamento da parte delle aziende.

Un numero decisamente elevato di segnalazioni riguarda persone che hanno passato periodi più o meno lunghi all’estero in distacco o missione e che, concluso il tempo assegnato e/o “richiamati” in Italia, si trovano davanti alla proposta o alla comunicazione di dover lavorare su funzioni inferiori e/o sotto le direttive di altri lavoratori con competenze, esperienza e livelli più bassi rispetto ai loro; l’alternativa? lasciare il lavoro, se va bene a fronte di un incentivo.

Altre segnalazioni provengono da quadri, funzionari o dirigenti che, ricevuta la notizia della soppressione di una filiale e/o della riorganizzazione del settore diretto, subiscono analoghe proposte o comunicazioni unilaterali.

Leggi tutto

Nuove tecnologie e gruppi di lavoratori più fragili. Quale supporto? di Annalisa Rosiello e Monica Serra - Cassaforense News 10 settembre 2019

E’ frequente sentir parlare di tecnologie in sostituzione degli esseri umani, ma non altrettanto di come queste possano supportare i lavoratori, in particolare quelli più “esposti”, e prevenire condotte mobbizzanti e discriminatorie.

Leggi tutto

Novità giurisprudenziali 3 luglio 2019, a cura di Monica Serra.

- DISCRIMINAZIONE DELLA LAVORATRICE MADRE -

Tribunale di Ferrara, sezione Lavoro, sentenza 25 marzo 2019

Costituisce discriminazione l’assegnazione di turni spezzati e orari di lavoro gravosi alla lavoratrice madre di una figlia disabile, senza tenere conto delle sue esigenze personali.

Leggi tutto

Novità giurisprudenziali 20 giugno 2019, a cura di Monica Serra.

- LICENZIAMENTO DISCIPLINARE PER DIPENDENTI DI ISTITUTI DI CREDITO -

Corte di Cassazione, sezione Lavoro, sentenza 14 maggio 2019 n. 12787

Per quanto riguarda il rapporto di lavoro del dipendente di istituti di credito gli obblighi di fedeltà e diligenza devono essere valutati secondo criteri più rigorosi: in questo contesto, infatti, devono essere valorizzate le mansioni svolte e il tipo di condotta tenuta, così che anzi mancanze disciplinari lievi possono essere idonee ad incrinare fortemente il rapporto di fiducia.

Leggi tutto

Novità giurisprudenziali 6 giugno 2019, a cura di Monica Serra.

- IMPUGNAZIONE VERBALE DI CONCILIAZIONE -

Tribunale di Roma, sezione Lavoro, sentenza 8 maggio 2019

E’ impugnabile il verbale di conciliazione sottoscritto in sede sindacale – così come le relative rinunce e transazioni – quando la procedura non si sia svolta a norma delle regole di cui al contratto collettivo o il sindacato che assiste il lavoratore non rientri tra le associazioni comparativamente più rappresentative.

Leggi tutto

Novità giurisprudenziali 30 maggio 2019, a cura di Monica Serra.

- VIOLAZIONE DELLE MISURE DI SICUREZZA – RIFIUTO DI RENDERE LA PRESTAZIONE LAVORATIVA -

Corte di Cassazione, sezione Lavoro, sentenza 29 marzo 2019 n. 8911

Nel caso in cui il datore di lavoro ometta di applicare le dovute misure di sicurezza, il dipendente può rifiutarsi di svolgere la propria prestazione lavorativa.

Tuttavia, qualora l’inadempimento non riguardi precauzioni espressamente previste dalla legge ma ad obblighi generali di cui all’art. 2087 cod. civ., il lavoratore è tenuto a provarne la gravità e la rilevanza.

Leggi tutto

Novità giurisprudenziali 15 maggio 2019, a cura di Monica Serra.

- NOTIFICAZIONI -

Corte di Cassazione, sentenza 9 aprile 2019 n. 75

E’ illegittima la norma di cui all’art. 16-septies D.L. n. 179/2012 nella parte in cui prevede che la notifica eseguita con modalità telematiche dopo le 21.00 si debba considerare perfezionata alle ore 7.00 del giorno successivo.

Al contrario, la notifica telematica si deve considerare perfezionata al momento di generazione della ricevuta, indipendentemente dall’ora in cui è effettuata.

Leggi tutto

Novità giurisprudenziali 8 maggio 2019, a cura di Monica Serra.

MOBBING

Corte di Cassazione, sezione Lavoro, ordinanza 17 aprile 2019 n. 10725

Deve classificarsi come mobbing la condotta del datore di lavoro che, nei confronti di una lavoratrice assente per malattia, ha continuato a chiederle in modo pressante chiarimenti sulle sue condizioni di salute e sulle cure mediche a cui deve sottoporsi, privandola poi delle sue mansioni al rientro e chiedendole addirittura di dimettersi.

Leggi tutto

Novità giurisprudenziali 24 aprile 2019, a cura di Monica Serra.

RAGIONEVOLI ACCOMODAMENTI

Corte di Cassazione, sezione Lavoro, sentenza 7 marzo 2019 n. 6678

In caso di licenziamento per inidoneità fisica del lavoratore derivante da una condizione di handicap, ai fini della legittimità del recesso il datore di lavoro è tenuto alla previa verifica della possibilità di adattamenti organizzativi dei luoghi di lavoro, purché questi non comportino un onere finanziario sproporzionato rispetto alle dimensioni e alle caratteristiche dell’impresa e comunque nel rispetto delle condizioni di lavoro dei colleghi del lavoratore invalido.

Leggi tutto

Novità giurisprudenziali 16 aprile 2019, a cura di Monica Serra.

- CONGEDO STRAORDINARIO PER L’ASSISTENZA DEL DISABILE E LICENZIAMENTO -

Corte di Cassazione, sezione Lavoro, sentenza 25 febbraio 2019 n. 5425

L’art. 4, comma 2, legge n. 53/2000, che prevede il diritto alla conservazione del posto di lavoro durante il periodo di congedo straordinario fruito dal lavoratore per l’assistenza di un disabile, vieta di licenziare il lavoratore solo nel caso in cui il recesso sia legato alla fruizione del congedo stesso, ma non per ogni altra eventuale causa, legittima, che dovesse intervenire.

Leggi tutto

Persone e Famiglia

Consumatori

Lavoro